Marcigaglia, costruzioni firmate

Caldaia: Quando è obbligatorio fare controlli periodici e manutenzione?

Fonte: www.studiomadera.it

Manutenzione e CONTROLLI caldaia gas 2018.
Obblighi e frequenza

Secondo la normativa vigente (DPR 74/2013) tutti gli impianti termici sono sottoposti a controlli e manutenzioni periodiche.

 

– – – – – – – – – – – –

• IMPIANTO TERMICO – Definizione
Prima di tutto andiamo a definire cos’è l’impianto termico per la normativa (D.lgs. 192/05 e s.m.i.): “impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato (legna, metano, gpl, pellet, biomassa, solare, eolico), comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore, nonché gli organi di regolarizzazione e controllo. Sono compresi negli impianti termici gli impianti individuali di riscaldamento.

Non sono Impianti Termici:
Non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare e’ maggiore o uguale a 5 kW. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria (Boiler – scaldabagno) al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate.”

 

Climatizzatori, Condizionatori, Pompe di calore sono impianti termici

I climatizzatori, condizionatori o pompe di calore sono equiparati agli impianti di riscaldamento e di conseguenza dovranno essere dotati anche loro del libretto d’impianto. Per quanto riguarda i climatizzatori, condizionatori e/o pompe di calore si procede al controllo di efficienza energetica solo quando la potenza utile, in una delle modalità di utilizzo (climatizzazione invernale/estiva), sia maggiore o uguale a 12 kW.

Quindi, se avete un impianto termico, come sopra individuato, dovrete obbligatoriamente realizzare delle revisioni e riportarle all’interno del libretto di impianto.

– – – – – – – – – – – –

• RESPONSABILE IMPIANTO
Chi si deve occupare della manutenzione, controlli e revisioni delle caldaie?
Rapporto di efficienza energetica o bollino blu.

L’esercizio, la conduzione, il controllo, la manutenzione dell’impianto termico e il rispetto delle disposizioni di legge in materia di efficienza energetica sono affidati al responsabile dell’impianto termico. Il responsabile della manutenzione dell’impianto termico è l’occupante dell’immobile (sia come proprietario che come inquilino o locatario o comodatario, affitto). Per il caso di impianto termico centralizzato amministrato in condominio (quindi dove non si abbia un impianto termoautonomo), il responsabile è l’amministratore di condominio.

Questi soggetti possono, delegare la responsabilità ad un “terzo responsabile”, che non è altro che il tecnico di una impresa specializzata con determinati requisiti previsti dalla legge.

– – – – – – – – – – – –

• FREQUENZA CONTROLLI – MANUTENZIONE
Ogni quanto si deve fare il controllo o manutenzione della caldaia (frequenza)?

Ricordiamo che non devono essere eseguiti i controlli su caldaie non in servizio (spente) o staccate (deve essere indicato sul libretto).

Le verifiche che periodicamente si devono effettuare sugli impianti termici si differenziano in due tipi:

1. la manutenzione (insieme delle operazioni utili a preservare nel tempo le prestazioni degli apparecchi e/o dei componenti ai fini della sicurezza, della funzionalità e del contenimento dei consumi di energia).
Le frequenze per la manutenzione di ciascun apparecchio/componente sono riportate dai fabbricanti di apparecchi e componenti dell’impianto termico nei libretti d’uso e manutenzione. La periodicità della manutenzione è quindi fissata dal fabbricante e riportata nel libretto di istruzioni (normalmente ogni anno).

2. il controllo dell’efficienza energetica (o prova fumi).
Il controllo di efficienza energetica dell’impianto, compresa la redazione del rapporto di controllo, è obbligatorio e deve essere eseguito in occasione delle operazioni di manutenzione, con la seguente cadenza:

Riassumento… Per un Impianti di casa standard:
il controllo di efficienza energetica (o prova fumi) per impianti alimentati:
• Combustibile liquido o solido (gasolio, pellet, legna): ogni 2 anni
• Alimentati a gas (metano o gpl): ogni 4 anni

Oltre alla tempistica indicata nella tabella precente, il controllo dell’efficienza energetica deve essere effettuato:
Alla prima messa in servizio dell’impianto a seguito di sostituzione degli apparecchi del sottosistema di generazione, come ad esempio la caldaia;
• In caso di interventi straordinari (che non rientrino tra quelli periodici) tali da poter modificare l’efficienza energetica;

Al termine delle operazioni di controllo il manutentore deve redigere e sottoscrivere il rapporto di controllo di efficienza Energetica in tre copie di cui:
1) una copia è trattenuta dal manutentore stesso;
2) una copia è rilasciata al responsabile dell’impianto che la allega al libretto di impianto;
3) una copia è inviata a cura del manutentore all’Autorità Competente per le ispezioni.
A quest’ultima copia è allegato l’eventuale “bollino blu verde” per coprire i costi delle ispezioni degli impianti termici.

– – – – – – – – – – – –

REGIONE VENETO – NORMATIVA IN VIGORE
Bur n. 125 del 30 dicembre 2014
Deliberazione Giunta Regionale n. 2569 del 23 dicembre 2014

Dal 2 gennaio 2015 è attivo “CIRCE” il catasto unico degli impianti termici e dei
Rapporti di Controllo di Efficienza Energetica della Regione del Veneto, istituito con
D.G.R.V. 2569/2014, previsto dalle Direttive Europee e dalla normativa nazionale
sull’efficienza energetica e la tutela dell’ambiente. È un sistema telematico al quale possono accedere gratuitamente, previo accreditamento, le ditte iscritte alla Camera di Commercio ed abilitate ad operare sugli impianti termici. Con tale sistema on-line le ditte possono registrare gli impianti, aggiornare i libretti e trasmettere alla Regione i Rapporti di Controllo di Efficienza Energetica; inoltre le Province ed i Comuni possono controllare la corretta conduzione ed efficienza degli impianti termici, mentre i cittadini possono consultare, controllare ed all’occorrenza anche stampare il proprio
libretto digitale costantemente aggiornato, senza necessità di registrazione, ma utiliz-
zando solamente i codici forniti dal manutentore.

Scarica il Depliant della Regione Veneto
CIRCE VOLANTINO RISPARMIARE ENERGIA AIUTA L’AMBIENTE

 

La Marcigaglia Spa, ricorda l’importanza del libretto di impianto e del suo aggiornamento: prima compilazione a cura dell’installatore (impresa) , successivi aggiornamenti e compilazione allegati a cura del manutentore.
L’occupante l’immobile deve controllare che il libretto venga debitamente compilato.

 

Hai trovato l'articolo interessante?
Condividilo ora.

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su print
Condividi su email

Potrebbero interessarti ...

CONTATTACI

Compila il modulo e verrai ricontattato per ricevere tutte le informazioni richieste e, se lo vorrai, potrai prenotare una visita per visitare i nostri immobili.